LOCAZIONI TURISTICHE, C'È MOLTO DA LAVORARE

Apprezziamo la decisione di aprire ufficialmente il dibattito sulle locazioni turistiche, con la presentazione di una proposta di legge, e siamo pronti ad offrire il nostro contributo al Governo e al Parlamento, per la costruzione di un sistema equo e trasparente.

Ma non possiamo nascondere la nostra delusione per il contenuto della proposta e riteniamo che ci sia molto da lavorare, se si vuole veramente giungere a una soluzione capace di incidere concretamente sul problema della concorrenza sleale e dell’abusivismo che inquinano il mercato.

 

 




SULLE LOCAZIONI TURISTICHE C’E’ MOLTO DA LAVORARE

“Apprezziamo la decisione di aprire ufficialmente il dibattito sulle locazioni turistiche, con la presentazione di un disegno di legge, e siamo pronti ad offrire il nostro contributo al Governo e al Parlamento, per la costruzione di un sistema equo e trasparente.

Ma non possiamo nascondere la nostra delusione per il contenuto della proposta e riteniamo che ci sia molto da lavorare, se si vuole veramente giungere a una soluzione capace di incidere concretamente sul problema della concorrenza sleale e dell’abusivismo che inquinano il mercato”.

È questo il commento a caldo di Federalberghi sulla proposta di legge sulle locazioni brevi, che il Ministero del Turismo ha inviato alle associazioni di categoria.

“Per l’associazione delle imprese turistico ricettive, occorre anzitutto intervenire sul cosiddetto “minimum stay”. Considerato che la permanenza media negli esercizi ricettivi italiani è di 3,3 notti, affermare che il soggiorno nelle locazioni turistiche non può essere inferiore a due notti suona come una presa in giro, in quanto significa che la nuova normativa si applicherà solo su a una minima parte dei flussi turistici. Ad esempio, saranno esclusi tutti i soggiorni per vacanza, a partire dai week end, per di più solo in una minoranza di comuni.”

“Altrettanto importante - secondo Federalberghi - è il ruolo da conferire ai sindaci, ai quali dev’essere restituita la facoltà di governare il territorio. Grandi e piccoli centri sono invasi da una marea di alloggi, che si nascondono dietro la foglia di fico del contratto di locazione e operano sul mercato alberghiero senza rispettarne le norme.”

“Se si vuole che la norma produca effetti, - conclude Federalberghi - occorre poi prevedere un efficace sistema di controlli e di sanzioni, che di certo non si realizza immaginando che le multinazionali del web si lascino spaventare da una multa da tremila euro.”

2



 comunicato stampa locazioni turistiche.docx

Pubblicato il 30/05/2023






Visualizza comunicati nazionali


IL FASCINO DISCRETO DI GIUGNO, IN VIAGGIO 15 MLN DI ITALIANI

Tutti al mare, questo si. Ma anche in montagna...

BENE AGCOM SU GESTIONE DIRITTI D'AUTORE

La delibera dell’Autorità per le Garanzie nell...

L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE E GLI HOTEL

Federalberghi e Cfmt presentano un manuale sul...

Consiglio direttivo - cooptazione consigliere

Il Consiglio Direttivo di Federalberghi, ai sensi...

Audizione di Federalberghi sul decreto semplificazione edilizia e urbanistica

La VIII Commissione della Camera dei deputati ha ...

Finanziamenti alla sicurezza - bando ISI 2023

L’INAIL informa che sono stati pubblicati gli ele...